Comitato A.R.C.A. - La pedemontana Rivive!

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Il sito ufficiale del Comitato A.R.C.A.
affreschilLestans
foto Giordano-Palamin4
colline
foto Giordano-Palamin2
magredi in fiore
superstrada altezza spili
foto Giordano-Palamin
foto Bruno Zuliani5
foto Bruno Zuliani2
paesaggio
foto Giordano-Palamin3

Video

 

 

 

 
Si ribadisce che:

TUTTE LE INFORMAZIONI FORNITE DAL COMITATO A.R.C.A. SUL PROGETTO AUTOSTRADALE SONO TRATTE DAI DOCUMENTI UFFICIALI DELLA REGIONE

come potete facilmente verificare andando nella sezione "DOCUMENTI E SINTESI".
     
E-mail Stampa PDF

 

Alcune considerazioni

Ci sono giunte alcune considerazioni che pubblichiamo

Punto 1
È ripartita la proposta dell’Autostrada Cimpello-Sequals-Gemona. È vero, ma mi pare un’iniziativa molto pordenonese, sostenuta da Agrusti da una parte e da Sonego… dalla stessa parte (alla faccia dei liberi e anche degli uguali). Ora non mi pare che Sonego conti più un granché: all’incontro di qualche mese fa a Lestans facevano brutta mostra di loro stessi vecchie facce note (dei più svariati schieramenti) superate dai fatti e dalle nuove generazioni. Quanto ad Agrusti, mi sembra in grande movimento, un movimento direttamente proporzionale alla sua progressiva irrilevanza politica. La signora Danieli gli va dietro a livello di dichiarazioni, ma non mi sembra così impegnata. D’altra parte la Danieli, intesa come fabbrica, un’autostrada ce l’ha a due chilometri. E questo vale per buona parte delle aziende udinesi. E sapete come va: prima gli italiani, e poi prima i friulani, e poi prima gli udinesi e poi, e poi, e poi… Non mi pare che Riccardi si stia dando molto da fare sulla questione. E questo è rassicurante. Non vedo neanche uno sbracciarsi delle imprese e delle banche, che poi è il vero motivo per cui il piano è fallito 10 anni fa. I soldi non ci sono o se ci sono dovrebbero essere quelli dello Stato, o della Regione e la miliardata, come l’ha definita Sonego, non si trova con così grande facilità, dati i tempi di rientro dell’investimento che tutti conosciamo. Mi pare che i concessionari di autostrade abbiano oggi altre urgenze. Questo non vuol dire rilassarsi, piuttosto stare attenti soprattutto (non solo) ad altre priorità.

Punto 2
Mi pare più preoccupante la ripresa di discorsi attorno alla traversa di Pinzano, che poi gira e remena dovrebbe essere una diga. Mobile? Chissà. Comunque, nuove tecnologie o meno, a monte andrebbe sotto tutto fino a 30/40/50 metri rispetto alla quota attuale del fiume a Pinzano. Che ci sia della follia nel progetto è chiaro e non sto qui a spiegarlo a voi. Però c’è un problema, questo sì vero. A Latisana vanno sotto, o rischiano di andarci a ogni pioggia consistente e a ogni spirar di scirocco. Si risolve tutto con il canale scolmatore del Cavrato? No. Tanto è vero che è esondato anche a metà novembre. Se esonda il canale scolmatore c’è qualcosa che non va. A monte. C’è poco da fare. Quanto a monte? Per quali ragioni? La questione riguarda tutto lo scorrimento delle acque di superficie dalla pedemontana alla bassa e richiederebbe uno studio complessivo e serio che non mi pare sia a nostra disposizione. Io, che non sono un ingegnere idraulico, lo sintetizzo così: servono a monte quelle casse di espansione che hanno laminato di fatto piene importanti dovute a violente precipitazioni. Queste casse si chiamavano, e si chiamano, fossi. Con una sezione di 2 m per 2, per chilometri di ramificazione, fanno milioni di metri cubi. Bisogna tornare indietro e ripristinarli? Sì. E sarebbe una grande opera. Complicata, non c’è dubbio, ma utile, vantaggiosa, sociale. Un lavoro pubblico. In Engadina, in Svizzera non in un rivoluzionario paese dedito alla decrescita felice, nella zona di Müstair, a pochi passi dal confine con la Val Venosta avevano rettificato il torrente Rom. Poi si sono accorti di aver sbagliato e hanno ripristinato i meandri (che rallentano il flusso delle acque eccetera) e lo scrivono in evidenti e leggibilissimi pannelli illustrativi. Oggi, dal 2010, la Val Müstair, il Parco Nazionale Svizzero e parti del comune di Scuol costituiscono la prima Biosfera alpina UNESCO della Svizzera. Si può fare con ottimi benefici.

Punto 3
In un inserto Album di Repubblica, dedicato al Trentino, ci sono due articoli interessanti. Il primo ci racconta che le due Province (due province: provate a immaginare Udine e Pordenone) di Trento e Bolzano si sono messe d’accordo per limitare, per tre anni in via sperimentale, la velocità sull’autostrada del Brennero (non su quel troi che sarebbe la Cimpello-Gemona) a 100 km/h su un tratto di 10 chilometri a cavallo delle due Province, superando l’iniziale contrarietà di autotrasportatori, pendolari, eccetera. Ma… il tasso di incidentalità su quella tratta non è mai stato così basso; l’emissione di inquinanti è stata ridotta del 10%. Un trafiletto in un altra pagina ci dice anche che dopo il successo del percorso ferroviario diretto Trento-Milano in occasione dell’Expo, si sta pensando di realizzare un collegamento permanente. Ecco, io credo che questi siano terreni sui quali studiare, lavorare, costruire consenso crescente attorno a una visione di futuro e a un’associazione nata sull’opposizione a un’autostrada ma che deve ampliare i propri orizzonti. Non lo dico io per primo. Mi dichiaro solamente d’accordo. In realtà tutto l’inserto andrebbe riletto in relazione a quello che potrebbe essere un Friuli più dinamico e meno acciambellato sulla sua friulanità dichiarata e alla fin fine poco praticata. C’è da pensare a una nuova idea di sviluppo sostenibile di cui possiamo essere partecipi insieme a molti altri, altri che non abbiano come primo punto del loro statuto mentale il sovranismo della propria associazione. Ci vogliono esperti, tecnici e militanti, giovani e anche meno, disposti ciascuno a mettere una pietra. E anche qualcuno che abbia energia da spendere lì. Noi altri seguiremo.

 
E-mail Stampa PDF

Il Serengeti dell'Europa centrale

 

La televisione austriaca l'anno scorso ha fatto un programma sul Tagliamento https://kaernten.orf.at/tv/stories/2843354/.  
Il protagonista è uno scrittore, regista e conduttore televisivo, Werner Freudenberger, che nel marzo del 2017 ha pubblicato un best-seller sul Tagliamento https://www.styriabooks.at/am-tagliamento.16-05-17 2

Werner, come molti austriaci, è innamorato del Tagliamento. Nel programma, oltre a visitare il museo geologico di Ampezzo e a gustare piatti tradizionali con erbe selvatiche e radic di mont, Werner ci confessa che il suo punto di osservazione preferito è il Monte di Ragogna. 
"Penso che chiunque si metta lì a guardare la vastità del Tagliamento, del re dei fiumi alpini, capirà il mio entusiasmo. E' un'enorme riserva naturale, un'area protetta europea, ed è talvolta chiamata "il Serengeti dell'Europa centrale" per via del gran numero di specie animali e vegetali". 

Qualcuno deve dire a Werner che il Serengeti alpino non è protetto. Tra Cimano e Pinzano l'area protetta europea non c'è, c'è prima e c'è dopo, ma non lì, proprio lì sotto il Monte di Ragogna, perché la Regione FVG doveva farci passare un'autostrada per i camion veneti e lombardi, doveva farci le dighe e le opere idrauliche, e così gli veniva più facile.  

Il Tagliamento insomma è molto più conosciuto da austriaci e tedeschi che dagli italiani. Speciali Tagliamento infatti anche sul primo canale della TV tedesca, alla radio, articoloni sui giornali e poi pacchetti turistici per canoisti, camminatori, camminatrici donne...

Perché i nostri governanti svendono i gioielli di casa, i Serengeti, gli antichi re della loro terra, invece di proteggerli e valorizzarli?

In questa notte di piena del Tagliamento c'è timore per i paesi che attraversa ma c'è anche molto timore per il vecchio fiume. 

 
E-mail Stampa PDF

 Tagliamento panda dei fiumi

 

Traduzione dal sito mondiale del WWF.

"Nel nordest dell'Italia si trova un importantissimo fiume a letto ghiaioso, che conserva la naturale e morfologica complessità dinamica che deve aver caratterizzato molti fiumi alpini nel loro stato originale. [...] Per alcuni dei più importanti centri di ricerca ed università europei, il Tagliamento rappresenta una rara opportunità di investigare i processi naturali ad una scala che non può essere studiata altrove in Europa. [...] Si tratta chiaramente di un sistema fluviale di importanza europea, una risorsa unica [...]ivan marin-102-img_2606rid

Per il Programma Alpino del WWF, il sistema fluviale del Tagliamento è un simbolo, un "panda dei fiumi" che necessita della più alta protezione".

E i noostri politici di cosa parlano? Di sbarramenti, di casse d'espansione, di autostrade...

Leggi articolo

 
E-mail Stampa PDF

I nostri meravigliosi corsi d'acqua

Tagliamento dal_ponte_di_PinzanoC'è da chiedersi se veramente ci rendiamo conto delle bellezze dei luoghi in cui viviamo, che abbiamo la possibilità di vedere e frequentare e del loro potenziale a livello turistico.

La domanda sorge spontanea pensando ai progetti di sbarramenti, casse di espansione, autostrade, centraline che interessano il re dei fiumi alpini, il Tagliamento, e uno dei suoi affluenti, l'Arzino.

Queste realtà dovrebbero venire tutelate, preservate e pubblicizzate per cominciare ad avviare un circolo virtuoso di turismo di nicchia che aiuti l'economia locale senza stravolgere l'aspetto e le peculiarità del territorio.

Il Tagliamento è oggetto di discussione su una pagina facebook francese "Sui fiumi d'Europa",  l'Arzino viene nominato persino in un articolo del Financial Times.

Speriamo che questi riconoscimenti stranieri riescano a fare quello di cui noi non siamo capaci di fare o di far fare a chi di dovere: promuovere il nostro territorio!

Video En canoë sul la reine des Alpes, le Tagliamento

 

Tracciato del progetto autostradale:

tracciato foto_territorio

JavaScript must be enabled in order for you to use Google Maps.
However, it seems JavaScript is either disabled or not supported by your browser.
To view Google Maps, enable JavaScript by changing your browser options, and then try again.

 

Link Veloci:

chi siamo motivazioni_dissenso nostra_posizione
storia_progetto documenti_e_sintesi noi_non_taceremo
caselli comuni project_financing
domande frequenti pulsante_simulazione pulsante_cifre

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento occasionalmente inviati e/o segnalati. Pertanto non puó essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della l. n. 62 del 7/3/01.

 

Firma la petizione on-line
Petition English version
Aderisci per partecipare attivamente e/o riceve informazioni
Modulo petizione cartacea per chi vuole firmare ma non ha un indirizzo mail, testo informativo da far circolare via e-mail

Sondaggi

Secondo te, quale sarà l'effetto principale della costruzione dell'Autostrada?
 

Chi è online

 24 visitatori online