Venerdì 08 Marzo 2013 11:17 comitato-arca.it
Stampa

Tesori d'Italia e opere utili

In un'intervista a Io Donna del 10 novembre 2012 la Puppato (PD) "parla dell'Italia come del Paese in cui tutto il mondo vorrebbe vivere, nonostante la corruzione, la burocrazia, l'incertezza del diritto. Materie prime o fonti fossili non ne abbiamo, dice. Non possiamo permetterci politiche industriali. Il nostro oro sono bellezza, natura, cultura. Il brand Italia. Un potenziale che la stessa Confindustria valuta in 1 milione e 600 mila posti di lavoro e 236 miliardi di Pil in dieci anni. E allora avanti!

Chiusa la fase del governo "chirurgico" - dice - è con questo indirizzo economico che si deve ripartire. Sapete che a luglio, per la prima volta, l'export dell'agroalimentare italiano ha superato quello metallurgico-automobilistico? Che l'agricoltura é l'unico settore in crescita: +10%? Che tutto questo significa lavoro? Un quinquennio senza grandi opere possiamo stare, ma non un minuto di piú senza curarci del territorio, del nostro enorme patrimonio culturale e ambientale".

Articolo

Il 19 novembre 2012, nella trasmissione di Lilli Gruber, Matteo Renzi ha parlato di un video, sul suo sito personale, dal titolo: Dalle grandi opere alle opere utili.
Parlando di infrastrutture, ha aggiunto, vanno sfatati due miti:
1) che in Italia non si investa abbastanza in infrastrutture;
2) che il vero sviluppo economico si faccia con le grandi opere.

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.